L’Isola di Skye è una delle isole più famose della Scozia, un po’ perché è collegata al resto della Scozia da un ponte, un po’ perché i suoi paesagi sono davvero strepitosi e incontaminati.

Abbiamo passato su quest’Isola 3 giorni, oggi proverò a ripercorrere il nostro itinerario e a condividerlo con voi, spero possa esservi d’aiuto in vista di un viaggio in queste bellissime terre.

 

Tutto sulla Scozia:

 

Vieni con noi in Scozia:

7 notti/8 giorni
Scozia All Around

Scozia All Around

1.790 1.590
Leggi tutto

 

Portree

È il luogo perfetto dove trovare alloggio sull’isola, sia perché è il centro più grande, dove quindi potrete trovare supermercati e ristoranti, sia perché si trova in un punto abbastanza comodo per raggiungere tutti i luoghi di interesse che l’isola ha da proporre. Questo piccolo paesino è molto bello, soprattutto nella parte della baia su cui si affacciano delle bellissime casette colorate. Qui avviene il vero e forse unico “struscio” di Skye, con decine di persone che si riversano lungo le strade per passeggiare, acquistare souvenir e mangiare i piatti tipici scozzesi. Sicuramente merita una passeggiata.

 

Old Man of Storr

Questa camminata di poco più di un’ora andata e ritorno prende il nome dalla roccia che raggiungerete alla fine del vstro trekkng, l’Old man of Storr. Una roccia affilata e appuntita che si erge dalla montagna e che è visibile da chilometri di distanza. La salita non è faticosissima (sono anche in corso lavori di miglioramento del sentiero) e per chi volesse sono disponibili ulteriori camminate che proseguono oltre il primo punto panoramico. Dalla cima è possibile ammirare le rocce circostanti, ma anche il mare e alcuni bellissimi laghetti. Attorno a voi durante tutta la passeggiata potrete inoltre ammirare la tipica Erica che conferisce a questa e ad altre montagne della Scozia, il tipico colore violaceo.

 

Neist Point of view (faro)

È il faro più grande e famoso dell’isola. Si raggiunge tramite una strada molto stretta e ad una sola corsia per entrambi i sensi di marcia. Arrivati al parcheggio, per raggiungere il faro dovrete camminare una ventina di minuti in un breve sentiero completamente in cemento e messo in sicurezza. Il faro non è visitabile al suo interno, ma offre insieme alle scogliere circostanti uno scenario molto evocativo.

 

Quairaing

Probabilmente la camminata più famosa di tutta l’isola. Si tratta di un trekking circolare di 3-4 ore che si snoda lungo uno dei panorami più belli. Lungo tutto il percorso sarete circondati da immensi prati verdi e dalle immancabili pecore scozzesi che con il loro belato faranno da colonna sonora al vostro trekking.

 

Creag an fheilidh (kilt rock e cascata sul mare)

Questa scogliera, molto di passaggio, è ideale per una breve sosta e per una bella foto alla piccola cascata che precipita direttamente in mare da circa 20-30 metri di altezza. In questa zona inoltre sono state scoperte alcune tra le meglio conservate impronte di dinosauro di tutta la Scozia.

 

Castello di Dunvegan

È il castello di proprietà della famiglia MacLeod e sorge nei pressi dell’omonimo villaggio di Dunvegan. L’interno del castello e i suoi bellissimi giardini sono aperti al pubblico dal 1933 e negli anni hanno portato ad un incremento dei visitatori sull’isola notevole. Tutt’oggi, nonostante siano passati 800 anni dalla sua costruzione è di proprietà dei discendenti della famiglia MacLoed ed è parzialmente ancora abitato dal discendente Hugh Magnus MacLeod of MacLeod (appartenente alla 33esima generazione dai fondatori del Clan).

 

Orari: dalle 10:00 alle 17:30. Chiuso da Ottobre ad Aprile

Prezzi: castello più giardini – 17€

 

Fairy Glen

Una delle aree di hiking più belle dell’isola di Skye. In un ambiente quasi surreale fatto di piccoli laghi, cascate, colline tondeggianti e prati verdi, potrete camminare e arrivare fino al Caste Ewan, l’unica roccia basaltica su cui è possibile salire e godere di un panorama strepitoso. Il suo nome “Valle delle Fate”, non ha alcuna origine storica, anche se ad alcuni piace pensare che qui, tra le fessure delle rocce, risiedano davvero queste piccole creature.

Negli ultimi anni, si è diffusa tra i turisti la moda di spostare le pietre per creare delle particolari spirali sul terreno. Benché i locals non siano molto contenti di questa cosa, dobbiamo ammettere che rendono il paesaggio ancora più affascinante.

 

Birrificio The Isle of Skye

Nato quasi per gioco negli anni 90, si è trasformato negli anni in uno dei birrifici più famosi e apprezzati della Scozia, vincendo anche numerosi premi internazionali.

Se volete fare una sosta e assaggiare alcune delle loro birre o acquistare qualche bottiglia da portare come souvenir, potete farlo direttamente nel loro negozio.

 

 

Distilleria Talisker

È la più antica distilleria ancora funzionante dell’isola, nonché una delle distillerie di Whiskey più famose al mondo. Nei suoi stabilimenti ad ovest dell’isola si respira un’aria magica e non stupisce affatto che qui possano nascere alcuni dei distillati più buoni.

Attualmente (Maggio 2022) lo stabilimento è in fase di completo rinnovamento e dunque non sono possibili visite alla distilleria. Se però non volete perdere la possibilità di degustare questo whiskey, è possibile prenotare una degustazione di 4 Talisker speciali direttamente dal sito.

 

Prezzi: degustazione 4 Whiskey – 57€

Orari: durata del tour 1 ora. Controllare il sito per la disponibilità.

Sito: Talisker

 

Consigli utili

Nel periodo estivo sull’isola sono presenti moltissimi Midges (se volete sapere cosa sono leggete l’articolo dedicato), vi consiglio quindi di acquistare prima di partire un repellente per i Midges o ancora meglio, una retina per il volto che vi aiuti a tenerli lontani.

I tempi di percorrenza da un punto all’altro dell’isola dipendono molto anche dal traffico sulle strade a corsia unica. In queste strade sono presenti dei “passing place” per permettere alle auto provenienti dal senso di marcia opposto di accostare per farvi passare o viceversa per permettere a voi di accostare e far passare le altre auto. Questo comporta un allungamento dei tempi di percorrenza. Inoltre bisogna considerare che i limiti di velocità presenti (e considerati dai navigatori) sono in molti casi impraticabili per questioni di visibilità e sicurezza.